· 

NOI MAMME DI FIGLI JUDOKA

Noi mamme di figli judoka : periodo gare.

 

Bene, se il periodo gare coincidesse con la prova costume saremmo tutte tranquille, infatti in questo periodo in nostro stomaco si rimpicciolisce, tra ansie e preoccupazioni, facendo passare solo il minimo necessario per la sopravvivenza, e questo vale anche per i nostri figli.
Come potrete vedere, infatti, in questo periodo siamo tutte delle silhouette.😉

 

 

Se la preparazione alle gare per i nostri figli è fatta da mesi di allenamento, la nostra si concentra tutta nel giorno prima, per preparare tutto il necessario:

 

 judogi candido , lavato e inamidato che sembra di cartone ,(e mi chiedo come facciano a portarlo tra peso e durezza);

 

cinture Bianche e rosse, che spesso rimangono nei vari palazzetti dove si svolgono le gare e che periodicamente vanno ri-acquistate;

 

Generi di prima necessità, fondamentale l’acqua e la barretta di cioccolato in caso di calo di zuccheri,(non solo per i figli ma soprattutto per le mamme).

 

 

E la sera prima, cena super leggera per evitare sorprese, altrimenti sgarriamo il peso!!! Poi nanna presto… e di solito non si dorme!

 

Il mattino della gara ci si alza di buonora, intontiti e assonati per la notte insonne, comunque pronti per affrontare la giornata. Colazione, controllatina al peso e finalmente si parte, generalmente (e per fortuna) in compagnia di un compagno di squadra con mamma o papà a seguito, così almeno si ride e si scherza spensierati.

 

 

Di solito si arriva al palazzetto tranquilli e sereni, ma più si avvicina l’ora del controllo peso, più l’ansia cresce.

 

Per fortuna a questo punto interviene il nostro caro maestro che invita le mamme iperagitate, a recarsi altrove (con tono scherzoso, naturalmente).

 

Dopo un po’ si dà inizio alle danze: riscaldamento, affissione dei vari gruppi e si comincia…ed e qui che vedi le mamme che iniziano a passare da una carnagione all’altra…rossa, bianca , rossa …

 

E i nostri figli?

 

 

Sono li sul tatami che cercano di dare il meglio di loro, cercando di ricordare gli insegnamenti ricevuti( che a volte, sul più bello, non si ricordano), tutto questo in 3 lunghi minuti.

 

 

Può andar bene , può andar male, li vedi uscire sorridenti o con gli occhi lucidi dopo la giustificata ramanzina del maestro, ma  sono lì che cercano il nostro sguardo per avere il conforto che solo mamma o papà sanno dare.

 

 

Ed è lì che di solito noi mamme indossiamo la nostra maschera (o corazza), li consoliamo, facciamo le nostre battute stupide e tra noi pensiamo “ se potessi lo prenderei a calci in ….quello che ti ha buttato giù” però sai che d’altra parte c’è un genitore che gioisce e quindi va bene così.

 

 

Nella gioia o nel dolore a fine gara si torna a casa e tuo figlio ti dice “Mamma sai, nello spogliatoio il ragazzo che mi ha battuto è venuto a complimentarsi con me, mi ha detto che sono stato bravo” e gli torna il sorriso….

 

E noi mamme siamo soddisfatte perché il judo è così, è un insegnamento di vita, ogni sconfitta è una vittoria e che questi ragazzi , i nostri figli, con i loro eccezionali maestri sono legati da uno sport semplicemente magnifico. 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                                                        Tiziana Gandin

 

   

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Valeria (mercoledì, 03 aprile 2019 15:11)

    Quanta verità...meravigliosa.

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DOUSHIN DOJO

 

doushindojo@gmail.com

 

CF 91019280253 - Iscrizione ASC 32423 – Iscrizione CONI 306925

Contattami

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti